Pin It
Wiyohiyampa – Il sentiero dell’Est

Wiyohiyampa – Il sentiero dell’Est

L’Est, nella cosmologia Amerindiana, è il Luogo della Lunga Vista.

Il potere dell’Est è il Potere della Luce, dell’Illuminazione mentale e spirituale e della visione interiore che deriva dalla consapevolezza dell’unità di tutte le cose viventi.

Quando siamo al buio abbiamo paura di addentrarci al di là di ciò che conosciamo già o abbiamo già sperimentato. Ma quando possiamo accedere alla Luce e illuminare la strada, abbiamo il coraggio di avventurarci in reami che non conosciamo e non ci sono familiari.

L’Est ci permette quindi di essere coraggiosi ed avventurosi. L’Est è il luogo in cui si può estendere la propria visione per vedere le cose da lontano, per riuscire ad allontanarsi , avere un quadro globale e comprendere cosi dove tutto “converge”. L’Est è quindi il luogo dove possiamo imparare a mettere le cose nella giusta prospettiva.

L’Est è connesso alla Primavera , la stagione in cui la vita, rimasta nascosta nel ventre della Terra, si risveglia ed esplode in tutto il suo splendore.

Il suo elemento è il Fuoco, l’energia radiante dell’Universo, la scintilla di vita.

L’Est è la porta di accesso allo Spirito: la forza motrice dietro tutte le forme di vita sia umana che animale, vegetale o celeste.

Per vivere la totalità di questo Sentiero è necessario ricorrere alla Medicina dell’Aquila: l’aquila vola più in alto di qualsiasi altro animale e vede lontano. Per i nativi l’Aquila vola vicinissima al Cielo e, poiché nella cosmologia amerindiana il cielo è paragonato allo Spirito, l’Aquila rappresenta ciò che è più vicino allo Spirito. L’Aquila ci insegna l’equilibrio perché anche la perdita di una sola piuma da un’ala è compensata dalla perdita di una piuma anche dall’altra ala.

La vita spirituale di una persona è quindi l’aspetto più importante della sua umanità

In questa giornata cammineremo su questo Sentiero attraverso rituali, danze, canti, meditazioni, condivisioni ……… tutto per riportarci a noi stessi, alla consapevolezza di chi siamo e manifestare la nostra sacralità nel viaggio su questo Terra che chiamiamo “Vita”